MASSIMO DORIA

Banca d'Italia Head of the Retail Payment Instruments and Services Directorate

Nato nel 1965, nel 1988 si laurea in Giurisprudenza e nel 1991 entra in Banca d’Italia al Servizio risorse umane. Nel 1997 passa al Servizio Anticipazioni, Sconti e Compensazioni dove segue la riforma dei mercati finanziari, il passaggio all’euro, l’avvio di Target. Dal 1999 si occupa di sorveglianza sui sistemi di pagamento e nel 2008 diventa Capo della Divisione Strumenti e servizi di pagamento. Segue la definizione della normativa sui pagamenti e l’avvio della SEPA; partecipa a sedi di coordinamento internazionali e ad iniziative della Banca Mondiale. Nel 2014, durante il semestre di presidenza italiana dell’UE, è Chair dei due Working Party del Consiglio per la revisione della PSD2 e l’IFR: si chiudono entrambi con l’accordo. A fine anno rappresenta il Consiglio nel negoziato sull’IFR, concluso con l’approvazione del provvedimento. Nel 2017 viene nominato Vice Capo del Servizio Rapporti Istituzionali di Vigilanza dove gestisce rapporti con altre Autorità e Istituzioni, si occupa del presidio della legalità nel sistema finanziario, segue l’attività di licensing di nuovi operatori e si occupa dello sviluppo del Fintech (es. implementazione della PSD2 e avvio dei servizi di open banking). A giugno 2020 diviene Capo del Servizio Strumenti e servizi di pagamento al dettaglio, con compiti di oversight sul comparto dei pagamenti retail e di coordinamento sulle tematiche Fintech.


Conferenze

Data Conferenza
05-11-2020 alle 15:30 Sessione - Open banking: cosa c’è oltre la PSD2